La nostra “Selva oscura”

dicembre 16th, 2018

 

Ciao a tutti! Lo studio di Dante ci ha ispirato….e così per gioco abbiamo provato a riscrivere la nostra “Selva oscura” :-) !

Buona lettura, ragazzi!

I imbriaghi duri”, da“El vin divin” (Canto I versi 1-27)

Autori: Riccardo Mulachiè e Enea Fava

2^E

A SELVA IMBRIAGA
 
Nel meso del camin dea me vita
mi ritrovai par el bosco de San Bruson
chea via del Piave a iera smaria.
 
Ahi quanto a dir qual era è cosa dura,
esto vin rosso e aspro e forte,
che nel pensier rinova l’ebreza.
 
Tanto xe amaro che poco el è pi forte,
ma par tratar del vin ch’i’bevvi
dirò del’altre marche ch’i v’ho scorte.
 
Io non so ben ridir come m’imbriagai,
tant’ iera pien de alcol a quel punto
che a via del’acqua abandonai.
 
 
Ma poi, quando ‘rivai al coeo
là,dove terminava chea botiglia
che me avea anebia el servel,
 
vardai in alto e vidi che ero sbronzo,
tutto imbriago duro
che gnanca na caee in piè riuscivo ad atraversar.
 
Eora l’alcol
Che nea testa el battea, smise,
ma danovo na botiglia i’presi e m’imbriagai.
 
E come l’oste che con el naso rosso,
varda indrio e vede
Prosecco (queo DOC di Valdobiadene!),
 
anca el me animo, che voea vin,
se girò indrio
e vide Valpolicella (Superiore Ripasso!) che imbriagò ogni gente.
 
 

One Response to “La nostra “Selva oscura””

  1. Benedetta 2F scrive:

    Questa versione della “Selva Oscura” di Dante è molto spiritosa: un complimento agli autori! Questa è proprio una bella attività, da poter proporre anche nelle altre classi. Complimenti ancora ragazzi!!!

Leave a Reply